Roberta Carlini

Giornalista, si occupa (quasi) di tutto a partire dall'economia

Articoli

Gli aggettivi del lavoro. Il primo maggio del Covid

Venerdì, 01 Maggio 2020

Alla vigilia del primo maggio il servizio pubblico ha portato in tv il giovane Marx che legge e recita Ricardo: “Il valore reale di una cosa per colui che l’ha acquistata e per chi vuole venderla o scambiarla con qualcos’altro è la fatica e la sofferenza che può risparmiare a se stesso e che può imporre ad altre persone. Il lavoro è stato quindi il primo prezzo, l’originale moneta d’acquisto pagata per ogni cosa”.

Un prestito per aiutare gli studenti e salvare le università

Lunedì, 27 Aprile 2020

L’istruzione universitaria è uno dei temi di cui si è parlato di meno durante l’emergenza dovuta al nuovo coronavirus. Non solo perché durante la fase uno gli atenei italiani sono riusciti a organizzare le lezioni a distanza un po’ più agevolmente delle scuole primarie e secondarie. Né solo perché l’urgenza di riaprire le attività produttive ha oscurato altri temi della vita sociale, a partire proprio dall’istruzione. Ma perché per l’università, oltre al come e al quando ricominciare, la questione essenziale è chi?

Il compromesso europeo non è all’altezza della crisi

Venerdì, 10 Aprile 2020

“Questa volta è diverso”. Il presidente dell’eurogruppo Mario Centeno ce l’ha messa tutta per dare un senso di svolta storica ai risultati dell’incontro tra i ministri delle finanze della zona euro che, in seconda convocazione come un’assemblea condominiale mal assortita, hanno finalmente trovato un accordo nella sera del 9 aprile, alla terza o quarta settimana di lockdown per quasi tutta l’Unione e alle soglie di una recessione mondiale.

Il governo chiude le aziende ma le eccezioni sono ancora molte

Martedì, 24 Marzo 2020

“Stiamo lucidando le maniglie”. All’arsenale militare di Taranto si lavora “normalmente” per rispettare la tabella di marcia e consegnare nei tempi previsti la portaerei Cavour, in manutenzione da due anni. Senza mascherine e senza poter rispettare la distanza di sicurezza. “Avete presente come si lavora in una nave? Stretti stretti, altro che un metro di distanza”.

Abbiamo appena riscoperto il welfare. Ma non basta

Lunedì, 23 Marzo 2020

Malattia e disoccupazione. I sistemi di welfare sono nati, nel secolo scorso, per proteggere le persone da questi due grandi rischi della vita. In pochissimi giorni in tutte le capitali del mondo occidentale, di qualsiasi tendenza fossero i loro inquilini (lib o lab, d’élite o populisti, o tutte queste cose insieme come può succedere), si è di corsa tornati a frugare nella cassetta degli attrezzi del vecchio e vituperato welfare. Con un imperativo: fare presto.

Chi è dentro e chi resta fuori dal decreto cura Italia

Giovedì, 19 Marzo 2020

Cassa integrazione allargata a tutti i lavoratori dipendenti. Un’indennità di 600 euro al mese per il vasto e variegato mondo del lavoro autonomo. Congedi o soldi per i genitori che lavorano. Il decreto “cura Italia”, varato dal governo il 17 marzo, destina al mondo del lavoro 10 dei 25 miliardi stanziati per far fronte allo shock economico provocato dal Covid-19.

Servizi essenziali e altri pensieri

Domenica, 15 Marzo 2020

Condividi. Al sesto giorno di #iorestoacasa, i social ci regalano pensieri da condividere e un po' accorciano le distanze, per chi riesce a dribblare contenuti ansiogeni e fake news. Grazie ai mercanti dell'attenzione, sulle cui piattaforme torniamo vicini. Però ho pensato: possibile che un domani, quando cercheremo i ricordi di questi giorni eccezionali, li dovremo pietire dai loro proprietari a cui li consegniamo? Per questo sto riattivando il mio sito, per mantenere un pezzo di memoria e usare facebook & co.

Come affrontare questa crisi globale che è sanitaria ed economica

Mercoledì, 11 Marzo 2020

Tre parole: “exceptionally bad times”. Chissà se gli estensori del patto di stabilità che regola i bilanci europei avevano previsto tutto questo. Fatto sta che quelle tre parole – tempi eccezionalmente brutti –, ricordate da una nota dell’ufficio parlamentare di bilancio, si adattano perfettamente allo choc all’economia che il nuovo coronavirus sta diffondendo in tutto il mondo globalizzato.

Cos’è l’eredità di cittadinanza e come può ridurre le disuguaglianze

Mercoledì, 04 Dicembre 2019

La platea bolognese di Tutta un’altra storia, un’assemblea convocata dal Pd dal 15 al 17 novembre 2019 per discutere un programma sugli anni venti del duemila, si è spellata le mani di fronte alla domanda di radicalità sostenuta dal palco da Fabrizio Barca – economista, già ministro e adesso animatore del forum Disuguaglianze diversità – e alle sue 15 proposte per combattere la disuguaglianza.

I partiti italiani nello specchio delle tasse

Venerdì, 08 Novembre 2019

All’inizio sembrava una manovra senza nome. Nessun provvedimento di bandiera, salvo l’abolizione dello scatto delle aliquote iva previsto per il 2020 e che assorbe la maggioranza delle risorse. Importante certo, ma più per aver evitato un pericolo e non perché sia una proposta per il futuro.

L’Italia si unisce alla battaglia mondiale per la web tax

Mercoledì, 16 Ottobre 2019

Forse è la volta buona. Dopo un primo tentativo fatto dal governo guidato da Paolo Gentiloni e uno durante la prima legislatura di Conte, la web tax, e cioè la tassa sui servizi digitali, arriva anche in Italia con la manovra per il 2020. La legge di bilancio del 2018 prevedeva un gettito di 160 milioni per il 2019, ma quei soldi non sono mai arrivati perché i decreti attuativi non sono stati varati.

Tre scenari per il futuro e sono tutti preoccupanti

Lunedì, 12 Agosto 2019

Articolo scritto per i quotidiani locali del gruppo Gedi

Lo spettro dell’aumento dell’Iva. Il puzzle di una manovra impossibile. L’incognita del conto che presenteranno i mercati. L’incrocio tra la sessione di bilancio e la campagna elettorale è pericolosissimo, motivo per cui non si è mai votato in autunno. Il che apre a tre possibili scenari, tutti rischiosi.

Raul Gardini

Martedì, 23 Luglio 2019
Raul Gardini raccontato da Roberta Carlini

“Il 23 luglio del 1993 era venuto l’inverno lì in spiaggia, anche se faceva un gran caldo. E dire che quel giorno, il 23 luglio, era pure Sant’Apollinare, il patrono, gli uffici erano chiusi, ed erano tutti, ma proprio tutti, al mare. Perché era caldo ed era festa, e a Ravenna le feste si santificano con un bagno nell’Adriatico, con una partita a racchettoni e con il cornetto, ma non il 23 luglio del 1993”.

La mattina del 23 luglio del 1993 era morto, nella sua abitazione di Milano, Raul Gardini. 

Cos’è il salario minimo e quali effetti potrebbe avere in Italia

Giovedì, 28 Marzo 2019

Le paghe dei lavoratori italiani sono sotto la media europea, e l’Italia è al quinto posto nell’Unione per quota di working poors, e cioè di persone che hanno un lavoro ma ciononostante vivono sotto la soglia della povertà. I dati Eurostatmostrano che in Italia un lavoratore guadagna in media 12,49 euro all’ora, mentre nell’Ue la media è di 13,14 euro, in Germania è di 15,6 e in Francia di 14,9.

L'Italia nella bolla del lavoro precario

Giovedì, 21 Febbraio 2019

L’industria va male e ha pochi ordini nel cassetto. Così come l’edilizia. Il commercio al dettaglio non va meglio. Le esportazioni scivolano giù. La fiducia di consumatori e aziende è ai minimi storici. Il credito alle imprese, pietrificato. Una tempesta di numeri negativi si abbatte quotidianamente sulla nostra informazione economica. Ma ci sono numeri con il segno “più”, e sono quelli del lavoro. A dicembre 2018 c’è stato infatti un aumento degli occupati e del tasso di occupazione, e una riduzione della disoccupazione.

I problemi del reddito di cittadinanza

Martedì, 05 Febbraio 2019

Articolo scritto per Internazionale

Il divano c’è sempre, ma la donna è in piedi e un fumetto con una lampadina le accende il pensiero. Alle spalle, uno scaffale con qualche libro. Anche sul sito del governo lanciato il 4 febbraio per illustrare il reddito di cittadinanza – e su cui dal 6 marzo si potranno presentare le domande – il totem che ha dominato la discussione sulla misura simbolo del Movimento 5 stelle resta il divano.

Pagine

Subscribe to Articoli