Roberta Carlini

Giornalista, si occupa (quasi) di tutto a partire dall'economia

Articoli

Pagelle tossiche, primi anticorpi

Sabato, 23 Febbraio 2013

Con la decisione dell'amministrazione Obama di trascinare in giudizio Standard and Poor's si è aperta una fase nuova nei rapporti tra politica e finanza? Dopo che il dipartimento di Giustizia ha avanzato la richiesta di 5 miliardi di dollari di risarcimento a una delle maggiori agenzie di rating – le altre sono Moody's e Fitch – per i gravi danni all'economia Usa inflitti dal 2004 al 2007, alle voci di benvenuto nei commenti sui media mondiali hanno fatto eco le preoccupazioni per il ritardo di tale svolta. E sono emersi i dubbi sulla sua efficacia, se non accompagnata da una riforma complessiva della finanza.

Salto nel voto

Sabato, 09 Febbraio 2013

 

Sul numero di Micromega in edicola ci sono un po' di  dichiazioni di voto, tra cui la mia. Che riporto anche qui. Eccola: "La destra ha fallito, in tutti i suoi aspetti. Ha fallito la destra europea, nella sua risposta che ha aggravato la crisi. E ha fallito quella italiana, diversa nella (in)decenza pubblica ma complice nell'inazione della politica economica. Serve un new deal europeo, e non può scriverlo l'élite politico-economica che ci ha portato nel burrone. Può scriverlo una sinistra che esca dalla subalternità culturale a quest'élite e all'economia dominante, e che torni a farsi investire dalle urgenze della società. Nella quale idee, proposte e pratiche da new deal già circolano da anni, buone per un'agenda da cominciare ad attuare subito:

I Lumi dei beni comuni

Mercoledì, 06 Febbraio 2013

È un attacco su un doppio fronte, quello che Laura Pennacchi porta nel suo libro “Filosofia dei beni comuni”, nel quale affronta, analizza e contesta il pensiero dominante sui rapporti tra la sfera dell'economia e la sfera pubblica. Da un lato, c'è la critica del pensiero che si è affermato nell'ultimo trentennio, che possiamo per semplicità definire “neoliberista” – il pensiero guidato dall'individualismo metodologico, brutalmente riassunto dalla celebra frase di Margareth Thatcher all'apice del suo potere: “La società non esiste”. Dall'altro, c'è l'attacco a quella che Pennacchi definisce “la mistica del bene comune”,

Un granello di sabbia si aggira per l'Europa

Giovedì, 24 Gennaio 2013

Il fatto è che “le merci e il lavoro si muovono molto più lentamente dei capitali, in risposta ai segnali internazionali di prezzo”. Così scriveva James Tobin, anno 1978, nell'articolo A Proposal for International Monetary Reform, pubblicato su The Eastern Economic Journal. In questa frase apparentemente banale, c'è il nucleo di base della proposta dell'ormai famosa “Tobin tax”: che in realtà era già stata lanciata da Tobin qualche anno prima a Pricenton nelle Janeway Lectures. Era passata pressoché inosservata, ma che avrebbe avuto invece grande risonanza con le crisi valutarie seguìte alla fine del sistema di Bretton Woods; per poi rotolare negli anni e nei secoli e arrivare fino a noi, dopo aver infiammato anche piazze e movimenti (vastissima la campagna dal basso per la “tassa di Robin Hood”): fino a convincere la riluttante Europa, in preda alla turbolenza finanziaria e alla depressione economica, ad inserirla tra le sue politiche.

La casa al centro, i giovani al margine

Mercoledì, 23 Gennaio 2013

Con chi parliamo quando parliamo di Imu? Il ritorno del settantaseienne Berlusconi, alla sua sesta campagna elettorale, ha portato con sé tra le altre cose anche il gran ritorno della questione delle tasse sulla casa in proprietà. In molti lo hanno seguito, e così il discorso pubblico si è concentrato sul numero più classico dell'anziano prestigiatore, che prova così a risalire la china ripetendo il colpaccio che già gli riuscì nel 2006. Nel terrore generale: la tassa sulla casa riguarda tutti si dice; perché quasi tutti sono proprietari in Italia, si aggiunge. Dimenticando vari dati di realtà, e soprattutto dimenticando i giovani (retoricamente messi al centro di tutto fino a pochi giorni prima), che è molto difficile che siano appena usciti dall'angoscia della seconda rata dell'Imu, semplicemente perché una casa non ce l'hanno. Lasciando stare quelli che vivono con i genitori, i dati di Bankitalia ci dicono che il 40% delle famiglie con capofamiglia sotto i 34 anni vive in affitto, e il 13% ad altro titolo diverso dalla proprietà. Allora: con chi parliamo quando parliamo di Imu?

Ospedali, non tagliate le eccellenze

Lunedì, 07 Gennaio 2013

(articolo scritto con Alessandra Cattoi).

Qualcuno lo fanno entrare di nascosto in ambulatorio. I pazienti più anziani, gli habitués dell'isola Tiberina, quelli che da anni si fanno curare nell'ospedale fondato cinquecento anni fa dai frati dei Fatebenefratelli. Dai primi di dicembre dovrebbero pagare tutti, anche gli esenti da ticket. L'ospedale ha bloccato le prestazioni non urgenti dopo l'arrivo della mannaia di Enrico Bondi, commissario della sanità laziale: che qui, dove il Tevere si allarga e i seguaci di San Giovanni di Dio ricoverano 26 mila persone ogni anno, ha tolto d'un botto quattro milioni e mezzo di euro.

Premio Sila all'Economia del noi

Giovedì, 29 Novembre 2012

Il mio libro "L'economia del noi" (Laterza 2011) ha vinto un premio! Dopo tanto viaggiare, si ferma a Cosenza il 1 dicembre per ritirare il premio Sila, nato nel '49 (il premio non il libro), storia e nomi prestigiosi (rossore), che torna oggi dopo una interruzione per "valorizzare e ridisegnare le mappe della nostra storia letteraria con uno sguardo attento che riaffermi il valore etico della cultura e l'esercizio dello spirito critico". Beh, sono contentissima. Per il premio in sé (una scrive un libro, e non sa poi l'effetto che fa. E poi pensa a lettrici e lettori, non addirittura a una giuria!). E sono felice anche perché nella stessa edizione, per la sezione letteratura, ha vinto un libro che amo, "Lettera di dimissioni" di Valeria Parrella. Grazie!

Monti e la sanità. Storia di un'anca

Mercoledì, 28 Novembre 2012

Il sistema sanitario nazionale “potrebbe non essere garantito se non si trovano nuove modalità di finanziamento”, dice Monti. Notizia per Monti e altri al governo: il sistema sanitario nazionale già è “non garantito”, in molti casi. Per esempio per un pensionato che, improvvisamente, si trova a non poter più camminare e ha bisogno di una protesi dell'anca. O meglio, rettifico: scopre di aver bisogno di una protesi dell'anca dopo aver fatto una radiografia a pagamento perché nella sua regione, il Molise, per le lastre Asl c'è da aspettare mesi. Sempre nella sua regione (una di quelle con sanità disastrata e commissariata dall'autore del disastro), scopre di dover aspettare sei mesi anche per l'operazione, nella sanità pubblica.

E' esondato il concorso

Martedì, 20 Novembre 2012

E adesso dove li mettiamo? Al ministero dell'Istruzione sale la febbre da concorso. Dopo che i conteggi hanno sbancato tutte le previsioni dei tecnici di viale Trastevere, e certificato 321.210 domande, il primo e più impellente problema è come e dove fare la prima selezione. Quella dei "quizzoni", annunciata come un test preselettivo on line, nel quale ogni candidato sarà piazzato davanti a un pc e riceverà 50 domande scelte casualmente dal sistema elettronico.

Pochi minuti dopo la chiusura delle iscrizioni, già alcuni direttori regionali si sono precipitati al ministero per capire come organizzare la kermesse elettronica. Urgono oltre trecentomila postazioni collegate, quando tutta la scuola italiana ha circa un milione di pc, ma sono sparsi in tutti i comuni e gli uffici. Tanto per dire: a Roma, dove ci sono oltre 30 mila candidati, le aule collegate non arrivano a 6 mila.

L'esercito di leva della grande recessione

Sabato, 10 Novembre 2012

Una fila interminabile di macchine vecchie, cariche all'inverosimile e di gente e masserizie, in marcia sulla Highway 66. Se la Grande Depressione ci rimanda alla mente le immagini di Furore, dei contadini cacciati dalle loro terre e in cerca di futuro verso la terra promessa dell'ovest, la Grande Recessione dei nostri anni è ancora in cerca di una narrazione e un'immagine.

Fornero tiene falsi 'cocopro'

Sabato, 10 Novembre 2012

Caro ministro del lavoro, lei ha violato le leggi sul lavoro e dunque è multato dagli ispettori del lavoro a pagare al più presto un milione e mezzo di euro al ministero del lavoro. Potrà sembrare surreale, ma la scenetta appena descritta è pura cronaca. Svoltasi all'Isfol, istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, di diretta emanazione del ministero adesso guidato da Elsa Fornero.

C'era una volta il Washington Consensus

Domenica, 04 Novembre 2012

Articolo scritto con Anna Maria Simonazzi. Con il voto contrario alla nomina del lussemburghese Yves Mersch alla Bce, la scorsa settimana è andato in scena il primo serio scontro tra l'istituzione democratica più rappresentativa dei popoli europei e l'istituzione più importante per la loro vita economica. L'oggetto non ha a che vedere con la condotta scelta dai timonieri della Bce nel mezzo della più grave tempesta affrontata dai tempi della creazione dell'euro, ma con il sesso dei timonieri: tutti maschi.

Il Pil decollerà insieme agli F 35

Venerdì, 12 Ottobre 2012

Metti un turbo nel Pil. Le nuove direttive statistiche internazionali, con l'aggiornamento dei manuali a cui si attengono i sistemi nazionali di statistica in tutto il mondo, porteranno dal 2014 una sorpresa, cambiando i metodi di contabilizzazione delle spese militari. A essere “premiati”, con un salto in avanti del prodotto interno lordo, saranno soprattutto i paesi con maggior produzione di armamenti di tipo puramente offensivo; cioè quelle armi che si distruggono nel loro uso bellico, non appena raggiungono l'obiettivo per cui sono state costruite: ammazzare e distruggere.

Non che finora le armi siano state messe fuori dal Pil. Come denunciava Robert Kennedy nel celebre discorso del '68 all'università del Kansas, sull'inadeguatezza di un indice che “misura tutto, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta”, ...

Guai ai giovani/2

Lunedì, 08 Ottobre 2012

Di numeri neri sui giovani ne esce uno al giorno, dunque non è una gran trovata dire che sono gli under 35 quelli/e che stanno pagando di più la crisi. Questo grafico (elaborato dal Cerm) però ha il pregio di sintetizzare due questioni: generazione e genere. Le linee sui vari toni del verde sono delle donne, quelle che sul celeste/blu/nero sono dei maschi. Viene fuori che da anni...

Guai ai giovani

Lunedì, 08 Ottobre 2012

Largo ai giovani nella scuola? Si, ma non subito. Forse quando saranno vecchi. E' quel che hanno pensato in molti tra gli aspiranti insegnanti, quando è finalmente arrivato il bando del tanto annunciato concorsone. Che fosse di fatto riservato ai precari già in graduatoria, già lo si sapeva. Però il governo aveva promesso un imminente nuovo concorso agli esclusi, e in particolare a quei 20.000 (più o meno) giovani che hanno appena sborsato 2-3.000 euro a testa per pagarsi quattrocentocinquanta ore di Tirocinio formativo attivo: in gergo Tfa, diventati famosi per le domande sbagliate o surreali dei quiz d'ingresso.

Caro Hollande, cambia il fisco per le donne

Venerdì, 05 Ottobre 2012

"Per una rivoluzione fiscale". In un brillante pamphlet, Landais, Piketty e Saez spiegano come ricostruire dalla base le tasse. E dicono no al quoziente familiare: penalizza le donne che lavorano, e porta il fisco a entrare in scelte personali da cui dovrebbe restare fuori. Un dibattito francese, che parla molto anche a noi

Un mio articolo per www.ingenere.it

 

Rettori per sempre

Giovedì, 20 Settembre 2012

E non se ne vogliono andare. Non si parla di figli eterni adolescenti, o di politici attaccati alla poltrona, ma di stimati accademici sulla soglia di una rispettabile vecchiaia. Una ventina di rettori di altrettante università, scaduti o in scadenza, aggrappati a un codicillo che gli permette di restare per un altro anno in carica. Con la benedizione del meritocratico ministro Profumo. Ma la vicenda sta scatenando la guerra, metaforica e giudiziaria, in molti atenei: da Torino a Messina, da Parma a Viterbo. 

(Articolo pubblicato sull'Espresso, numero 38 2012). Si può leggere anche qui

P.S. Ricevo dal Comitato nazionale "No proroga rettori" il testo di lettera aperta al ministro Profumo che sta girando per tutte le università italiane...

L'estate dei due Mari

Mercoledì, 19 Settembre 2012

 

“La pioggia prima che cada”: il titolo del bellissimo romanzo di Jonathan Coe potrebbe sintetizzare l'estate che abbiamo appena lasciato. Caratterizzata dall'attesa di una pioggia imminente, al punto di sentirne l'odore e temerne il rumore. Non la pioggia reale – che in tante parti del mondo i campi hanno atteso invano, restando invece arsi e spogli -, ma quella metaforica a cui ci hanno abituato quattro anni di crisi economica e alti e bassi finanziari. Per l'Europa, era l'attesa del disastro dell'euro, dell'incidente speculativo, della fine continuamente annunciata di una moneta definita “irreversibile”.

Troppo brava per insegnare

Venerdì, 07 Settembre 2012

 

Monica Costantini ha 35 anni e due passioni. Una è per la fisica, l'altra per l'insegnamento. Cosa ci sarebbe di meglio, in un paese nel quale i prof di matematica e fisica nelle scuole scarseggiano? Eppure, è dal 2005 che Monica insegue queste due passioni.“Se avessi deciso di fare l'astronauta forse sarebbe stato più semplice”, dice, riportando una battuta che circola molto nel giro dei ragazzi con i quali ha studiato per prepararsi al Tfa, la nuova porta d'accesso al mestiere di insegnante, aperta dal governo subito prima di spalancare il portone principale, quello del concorsone.

Pagine

Subscribe to Articoli