Roberta Carlini

Giornalista, si occupa (quasi) di tutto a partire dall'economia

Il paese del sole

Domenica, 06 Febbraio 2011

Eravamo gli ultimi, adesso bruciamo le tappe. Il 2010 è stato un anno record per l'energia solare in Italia, il 2011 promette ancora di più. Viaggio nella febbre del fotovoltaico, a partire dal distretto del sole: Montalto di Castro, laddove c'è il monumento ai caduti sogni nucleari italiani. Inchiesta sul boom del solare sul National geographic, febbraio 2011. Sul sito, la fotogalleria (le foto sono di Emiliano Mancuso)

Da Dagenham a Mirafiori

Mercoledì, 12 Gennaio 2011

Per il quotidiano della Confindustria l'uomo dell'anno 2010 è Sergio Marchionne. L'uomo che è riuscito a rivoluzionare in un sol colpo la sua azienda, il sindacato e la stessa Confindustria; che guadagna 133 volte quanto guadagna un suo dipendente (1), e giustifica tale divario dicendo che lavora 20 ore al giorno; che incarna, nella sua stessa biografia (italo-canadese-americano), l'onda d'urto della globalizzazione in Italia.

Asilo low cost

Giovedì, 16 Dicembre 2010

Roma sud, zona Torrino, 193 posti. Pietralata, Roma est, altri 69. E poi: viale Newton, via di Valcannuta, Selva nera. Sparsi in tutta la capitale, sei nuovi asili nido si accingono ad aprire i battenti, con le loro seggioline, fasciatoi e giardinetti. Daranno 469 posti, su oltre 8 mila bambini in lista d'attesa. Sono gli apripista del nuovo corso annunciato di recente da Gianni Alemanno: mai più nidi gestiti dal Comune, d'ora in poi faremo solo convenzioni con il privato, ha detto il sindaco di Roma.

Il martello irlandese

Lunedì, 06 Dicembre 2010

L'Unione europea è come un bambino con un martello in mano: vede chiodi dappertutto. La metafora è stata efficacemente usata dal premio Nobel Paul Krugman per descrivere l'ossessione del bambino-Europa: il chiodo, in questo caso, è il debito pubblico. E la scena del bambino con il martello si è ripetuta quando è scoppiata l'ultima grana europea, ossia la crisi irlandese. Una crisi originata dall'imprudente esposizione delle banche nella bolla immobiliare, quindi nata e crescita all'interno del settore finanziario privato; ma poi trasformata in un problema di debito pubblico.

Niente gite. L'ultima protesta

Martedì, 23 Novembre 2010

Qualcuno la definisce una forma di luddismo scolastico. Altri festeggiano, perché finalmente tutti si accorgono dei guai degli insegnanti. Chi scrive al governo, chi fa sit in per il diritto al torpedone. Alcuni presidi solidarizzano, altri provano a metterci una pezza. Lo sciopero delle gite scolastiche si estende in Italia a macchia di leopardo e mette a rischio i viaggi di istruzione della prossima primavera. E con essi, migliaia di posti di lavoro in un settore che è ormai diventato un business corposo e che teme il crollo degli ordini per i prossimi mesi.

Alitalia, cordata e fuga

Martedì, 23 Novembre 2010

Nel 2013 Alitalia potrebbe diventare Alifrancia. O almeno, questo è ciò che l'attuale capo della compagnia si augura. Al calare delle tenebre sull'impero berlusconiano, pare che tutto si veda meglio: anche le cose dell'economia, anche quelle che i più informati o accorti o semplicemente onesti avevano già in qualche modo previsto, ma che invece erano state camuffate per il grande pubblico sotto una cortina fumogena.

Maricica

Martedì, 19 Ottobre 2010

Di solito a trentadue anni e anche oltre noi italiane ci chiamiamo “ragazze”, mentre Maricica è sempre stata definita nelle cronache “la donna rumena”. Maricica Hahaianu è morta a 32 anni al Policlinico Casilino, non molto lontano dalla stazione Anagnina della metro, dove un maschio italiano l'aveva aggredita dopo un diverbio metropolitano; e non molto lontano dal suo posto di lavoro, Villa Fulvia, che sta lungo la via Tuscolana, sempre in zona Roma Sud, ed è una clinica per la riabilitazione, una struttura privata convenzionata con il servizio sanitario nazionale.

Pagine

Subscribe to Front page feed