Roberta Carlini

Giornalista, si occupa (quasi) di tutto a partire dall'economia

Istat, i Big Data si sono fermati a Bagnacavallo

Lunedì, 04 Aprile 2016

Per ora sono partiti Bagnacavallo e Cesena. Poco più di 100 mila abitanti messi insieme, sono i due Comuni-pilota nei quali già si sperimenta l’Anagrafe nazionale della popolazione residente. Istituita quattro anni fa, e ancora lontanissima della sua attuazione. Un esempio della difficoltà di mettere insieme e rendere pienamente utilizzabili, in tempo reale, i dati contenuti nei registri amministrativi: i Big Data più antichi, quelli di Stato.

Linda Laura Sabbadini, se l'Istat perde un pezzo

Sabato, 02 Aprile 2016

I numeri sono di gran moda sulla scena pubblica, negli ultimi tempi. Anche se il premier ha smesso di twittare a ripetizione i dati sul lavoro – da quando si sono ridotti gli incentivi e con essi le assunzioni – quel che è successo lo scorso anno ha reso evidente a tutti l’importanza di una informazione corretta e una produzione statistica ufficiale, indipendente, accurata.

La parità neanche a parole

Martedì, 15 Marzo 2016

Commento scritto per i giornali locali del gruppo Espresso

Il test è semplicissimo, si può fare anche da casa senza grande fatica. Prendete una frase detta da un politico, un giornalista, un commentatore qualsiasi e riferita a una donna famosa, in politica o altrove. Ribaltate le parti, e attribuite la stessa frase a una donna, mettendo l’uomo come oggetto. Non vi farà ridere, non vi dirà niente, in alcuni casi vi farà indignare. Ecco: questo test si può fare per la giornata di ieri, una delle più nere - dal punto di vista linguistico, ma le parole sono importanti - per le donne italiane.

Gli step-ipocriti

Lunedì, 22 Febbraio 2016

Alla fine, la legge sulle unioni civili passerà per voto di fiducia, e dal suo testo sarà falciata via la stepchild adoption, l’adozione del figliastro. Smentendo tutto quello che si è detto per mesi: è una materia trasversale e profonda, che divide e supera gli schieramenti, e non legata all’identità e al programma del governo. Sulla manovra economica si è (si sarebbe) obbligati a decidere insieme agli alleati, sui temi etici no.

Etero, gay o single. Una casa per tutti i bambini

Venerdì, 12 Febbraio 2016

Se l’Italia alla fine avrà la legge che riconosce le unioni omosessuali, resterà comunque una grave discriminazione nel nostro Paese. Le coppie dello stesso sesso continueranno a non poter adottare. La stessa possibilità sarà negata ad aspiranti genitori single. Mentre per mesi il dibattito politico si è intestardito e incarognito attorno alla stepchild adoption, poco o niente si è detto del divieto principale: quello che impedisce a omosessuali e non accoppiati persino di essere presi in considerazione come potenziali buoni genitori.

La variante di Astrit

Lunedì, 01 Febbraio 2016

Quando scriveva a mano la sua grafia era minuta e precisissima. Come i suoi argomenti. L’immagine di quei foglietti di appunti, prima delle riunioni di redazione – per lunghi anni al manifesto, e per un periodo più breve nella nascente pagina99 – è la prima che mi è tornata in mente, quando si è diffusa la notizia della morte di Astrit Dakli. “Un bravissimo giornalista, molto ligio agli impegni”, lo ha definito in una intervista un altro grande assente, il fotografo Mario Dondero, scomparso nel dicembre scorso.

Nè capitani né coraggiosi. La partita Ilva

Lunedì, 25 Gennaio 2016

«Anche in questa occasione voglio recare agli italiani del Mezzogiorno l’assicurazione che lo Stato ha preso effettivamente e seriamente coscienza della realtà meridionale e si adopera per mutarla». Giuseppe Saragat pronunciò queste parole, il 10 aprile del 1965, quando andò a inaugurare il centro siderurgico di Taranto: il quarto in ordine di tempo, il più grande d’Italia, quello che tutta la città e tutto il Mezzogiorno volevano.

Indietro popolo, il 2015 è in rosso

Lunedì, 04 Gennaio 2016

Meno 110.125. Bilancio italiano in rosso, e stavolta non si parla di economia. Da gennaio ad agosto del 2015, la popolazione italiana è diminuita. È la prima volta che accade da un secolo. I dati sono ancora provvisori, ma con tutta probabilità l’anno appena passato segna una svolta storica. La demografia italiana imbocca la strada discendente.

Pagine

Subscribe to Front page feed