Roberta Carlini

Giornalista, si occupa (quasi) di tutto a partire dall'economia

L'Italia nella bolla del lavoro precario

Giovedì, 21 Febbraio 2019

L’industria va male e ha pochi ordini nel cassetto. Così come l’edilizia. Il commercio al dettaglio non va meglio. Le esportazioni scivolano giù. La fiducia di consumatori e aziende è ai minimi storici. Il credito alle imprese, pietrificato. Una tempesta di numeri negativi si abbatte quotidianamente sulla nostra informazione economica. Ma ci sono numeri con il segno “più”, e sono quelli del lavoro. A dicembre 2018 c’è stato infatti un aumento degli occupati e del tasso di occupazione, e una riduzione della disoccupazione.

In occidente per anni si è parlato di jobless growth, la crescita senza occupazione. Adesso in Italia, secondo le ultime rivelazioni economiche, abbiamo il problema opposto: una recessione con occupazione (o almeno, senza crollo del lavoro). Un apparente paradosso, che sembra destinato a peggiorare: si teme infatti che per il lavoro il peggio debba ancora venire.

Continua qui

Aggiungi un commento