Roberta Carlini

Giornalista, si occupa (quasi) di tutto a partire dall'economia

Renzi suona la grancassa ma l’occupazione registra calma piatta

Martedì, 11 Agosto 2015

Mentre il governo ieri suonava la grancassa – via Twitter, come sempre – sui dati Inps riguardanti i nuovi contratti di lavoro, passava inosservato un altro numero, diffuso dall’Istat: 0,6 per cento. Una piccola percentuale che misura i posti vacanti, in pratica quanti sono i posti di lavoro delle imprese che risultano ancora da occupare, in rapporto alla somma tra il numero dei posti vacanti e quelli occupati.

Un aumento dei posti vacanti ci dice che le imprese stanno cercando personale, cioè che il ciclo economico si sta invertendo. Purtroppo, quello 0,6 per cento è miseramente stabile, nel secondo trimestre 2015, rispetto al periodo gennaio-marzo.

Calma piatta. Un piccolo indicatore della congiuntura, che conferma quello che il presidente dell’Istat Giorgio Alleva aveva detto qualche giorno fa in un’intervista al Fatto Quotidiano, della quale ha smentito l’intento polemico ma non la sostanza: la ripresa economica in atto è ancora troppo debole perché si possa vedere un suo effetto statisticamente significativo sul mercato del lavoro. E infatti, gli ultimi dati Istat, quelli di giugno, mostrano che la variazione tendenziale dell’occupazione è del -0,2 per cento.

Continua qui

Aggiungi un commento