Roberta Carlini

Giornalista, si occupa (quasi) di tutto a partire dall'economia

gender gap

Il gender gap del pallone

Domenica, 05 Luglio 2015

Centomila euro. Di questa cifra si discuteva il 5 marzo 2015 nella famigerata riunione della Lega nazionale dilettanti, al termine della quale è stato redatto il verbale contenente l’ormai famosa fase dell’(ormai) ex presidente della stessa Lega, Felice Belloli: “Basta! Non si può sempre parlare di dare soldi a queste quattro lesbiche!”. Concentratasi – giustamente – l’attenzione e l’indignazione dei più sull’ultima parola urlata come un insulto (lesbiche), è entrato in ombra l’altro termine, cruciale, della frase: soldi. Quelli che mancano al calcio femminile, soprattutto in Italia. E che ruotano all’impazzata attorno a quello maschile, a tutti i livelli, dalle stelle ai pulcini, come le dettagliate cronache che spaziano dal mondano al penale ci informano quotidianamente. Ma qual è l’economia del calcio femminile?

Perché tutte le ragazze fanno Lettere

Martedì, 01 Luglio 2014

Il sorpasso c’è stato, solo che le donne hanno preso la corsia sbagliata. Solo così si può spiegare la strana gara che si è vista negli ultimi anni sulle autostrade della scuola e del lavoro. Da un lato, il sorpasso delle ragazze: che si diplomano con voti migliori, si laureano più dei loro coetanei e mediamente con voti più alti; dall’altro, i premi all’arrivo: consegnati in ritardo, e con meno soldi dentro. Fuor di metafora: a un anno dalla laurea magistrale, un uomo guadagna mediamente 1.194 euro, una donna 906, ci informa Almalaurea.

Più laureate, meno pagate. Il gender gap col tocco

Lunedì, 13 Agosto 2012

(scritto con Paola Villa)

Le lauree che danno minori sbocchi lavorativi sono anche quelle più “povere” e con maggior impatto sullo squilibrio di genere: lo dicono i dati Istat sulla condizione occupazionale dei laureati (Indagine 2011 sui laureati del 2007). In un precedente articolo abbiamo analizzato i dati sugli sbocchi occupazionali, evidenziando l'impatto della crisi economica sulla probabilità dei neolaureati di trovare lavoro, e il relativo gap di genere, notando che le neolaureate hanno minore probabilità di trovare lavoro rispetto ai colleghi maschi per tutti i tipi di laurea e tutte le discipline, ma la misura dal gap è differente per le diverse discipline: si evidenzia una penalizzazione, anche dal punto di vista di genere, per gli indirizzi geo-biologico, giuridico, letterario, psicologico e linguistico.

Subscribe to gender gap