Roberta Carlini

Giornalista, si occupa (quasi) di tutto a partire dall'economia

scuola

Quelli che la scuola perde di vista

Lunedì, 26 Settembre 2016

Articolo pubblicato sui quotidiani locali del gruppo Espresso il 26 settembre 2016

Togli i numeri, rimetti le lettere.  Metti la terza prova, ritogli la terza prova. Membri esterni, membri interni. La riforma della scuola è un po’ come quella delle pensioni: l’eterna incompiuta, ogni anno si ricomincia. Così anche quest’anno si parla di nuove modifiche all’ordinamento scolastico. Dai lavori della commissione che deve partorire una delle tante deleghe della cosiddetta “buona scuola” (riforma varata, è bene ricordare, due anni fa), è uscita nei giorni scorsi una indiscrezione che fa discutere: sarà proibito bocciare alle elementari, e sarà difficilissimo farlo alle medie. E di nuovo parte il dibattito: se sia giusta la promozione per tutti, se non stiamo a una riedizione del vecchio “6 politico”, se non stiamo perdendo troppo in severità e selettività. Dibattito che parte con il piede sbagliato, concentrandosi sui dettagli – così come la riforma stessa, che non a caso, dicono altre indiscrezioni, interverrà di nuovo anche su altri elementi di contorno, come la sostituzione dei numeri con le lettere nella scuola dell’obbligo, la riduzione da tre a due delle prove scritte alla maturità e l’introduzione di una prova unica Invalsi negli stessi esami.

La scuola ricomincia tra confusione e mezze rivoluzioni

Martedì, 01 Settembre 2015

Guardata dal lato della cattedra, la riforma della scuola è una bolgia e una mezza rivoluzione. Il ministero l’ha divisa in fasi (quelle di attuazione della cosiddetta Buona scuola), numerandole da uno a tre: nella prima, ci sono i “salvati”, quelli che sono già entrati in ruolo secondo il vecchio metodo dello scorrimento delle graduatorie e sono andati a sostituire 29mila docenti andati in pensione.

I posti scoperti della "buona scuola"

Venerdì, 28 Agosto 2015

Questo commento è stato pubblicato il 28 agosto sui quotidiani locali del gruppo L'Espresso

Più giuristi che matematici, un buon numero di domande non valide, e un esercito di prof con la valigia in migrazione da Nord a Sud. Mentre si avvicina, in molte regioni, il primo giorno dell’anno uno della “buona scuola”, i numeri e le precisazioni che vengono fuori dal ministero svelano, a poco a poco, quello che gli studenti troveranno quando entreranno in classe: qualcosa di nuovo, e molto d’antico.

La Buona scuola non cancella il precariato

Venerdì, 21 Agosto 2015

Ventitremila maestre della scuola materna. Dai venti ai trentamila supplenti annuali. Più le migliaia di abilitati entrati in graduatoria fuori tempo massimo per mano del giudice. Senza contare le decine di migliaia di iscritti alle liste d’attesa d’istituto. È abbastanza nutrita la schiera dei precari rimasti dopo il piano straordinario di assunzioni della Buona scuola.

La guerra geografica della buona scuola

Lunedì, 17 Agosto 2015

Adesso si aspetta solo il tweet di Salvini contro l’invasione scolastica dei professori terroni. A tre giorni dalla chiusura delle domande per il piano straordinario di assunzioni abbinato dal governo alla riforma della scuola, è evidente nei numeri quel che era scritto nel mondo della scuola, a caratteri cubitali, da decenni: la maggior parte dei precari da assumere sta al sud, mentre gli insegnanti servono di più al nord. E non è – stavolta – colpa di Renzi.

Scuola, il governo verso la prova di forza

Mercoledì, 17 Giugno 2015

E adesso, povera buona scuola? Con un occhio alla tv e un altro ai social network, i senatori incaricati di votare la riforma del sistema scolastico sono piombati in una situazione di stallo totale. Mentre la commissione bilancio, al rallentatore, prosegue nelle analisi delle compatibilità economiche, la commissione cultura – dove giacciono gli oltre tremila emendamenti accusati da Renzi di essere la vera barriera all’assunzione di oltre centomila precari – prende tempo.

L’ufficio di presidenza, convocato dopo l’annuncio di Matteo Renzi a Porta a porta, si è spaccato. Il presidente Andrea Marcucci (Pd, renziano) ha proposto un rinvio, che ha suscitato subito l’opposizione degli alleati dell’Ncd. La relatrice Francesca Puglisi (Pd, renzianissima, nonché responsabile scuola del Nazareno) ha ribadito la linea: o si riducono drasticamente gli emendamenti e si vota rapidamente la riforma, o i centomila non salgono in cattedra prima del settembre 2016. Le opposizioni, dal canto loro, continuano a chiedere in varie forme lo stralcio delle centomila assunzioni dal corpus della riforma.

Continua su Internazionale

La riforma della scuola ha perso i suoi superpoteri

Martedì, 16 Giugno 2015

Sono ore decisive non solo per i 490mila studenti alla vigilia della maturità, ma anche per la riforma della scuola che hanno frequentato. La commissione cultura del senato, che nonostante l’apparente fretta è rimasta in stand-by per diverso tempo (occupato dalle consultazioni e riunioni in casa del Partito democratico) è convocata per la notte prima degli esami, cioè alle 20.30 del 16 giugno. I rapporti di forza sono di 15 a 12: dodici alle opposizioni e quindici alla maggioranza, ma tra questi ultimi ci sono tre senatori non allineati al segretario del Pd e presidente del consiglio (Walter Tocci, Corradino Mineo e Carlo Rubbia).

Continua su Internazionale

Alla scuola conviene fare la guerra alle prove Invalsi?

Martedì, 12 Maggio 2015

“Chi si nasconde dietro l’Invalsi?”. Il coordinamento “contro la buona scuola” di Torino ha scelto la sempreverde dietrologia per saldare, quest’anno, la protesta contro la riforma della scuola in discussione in parlamento con quella più antica, presente da anni nella scuola italiana, contro i test unificati di valutazione delle competenze in matematica e italiano, che coinvolgono gli alunni delle seconde e quinte elementari, della terza media e del secondo anno delle superiori.

Continua su Internazionale.it

Buona scuola, emendamenti e diktat

Martedì, 21 Aprile 2015

Si tratta di 1940 emendamenti e quasi 900mila lettere. Mentre alla Camera arriva la carica delle modifiche proposte alla Buona scuola, il premier annuncia di voler scrivere una lettera a tutti i docenti italiani, per spiegar loro i motivi della riforma. E abbassare così la partecipazione a quello sciopero del 5 maggio che, ha detto ieri in una intervista radiofonica, “mi fa ridere”. Ma è molto probabile che, per quella data, il ddl alla camera avrà fatto ben pochi passi in avanti.

Ma con la Buona scuola i precari restano

Domenica, 05 Aprile 2015

All'inizio dovevano essere 150.000. Poi, nel disegno di legge sulla “Buona scuola”, sono diventati 100.701: quasi il 10 per cento dell’organico attuale delle scuole. Ma alla fine i precari assunti dal primo settembre potrebbero essere solo 50-60.000. Perché l’operazione parta, infatti, serve che la legge sia approvata in tempi rapidi entro fine maggio.

Buona scuola fuori tempo

Lunedì, 23 Marzo 2015

"Il Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, ha approvato il disegno di legge di riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione che prende il nome di 'La Buona Scuola'". 

Così ha annunciato il governo, trionfante, il giorno 12 marzo 2015.

Tutti sanno cosa c'era stato prima: i mesi di consultazione su "La buona scuola", varie serie di annunci a raffica, la promessa di assumere in ruolo i precari della scuola, o almeno quella loro consistente parte parcheggiata nelle graduatorie ad esaurimeno. 

Non tutti sanno cosa c'è stato dopo: normalmente, un ddl dopo l'approvazione arriva alle camere in poco tempo. Serve una messa a punto tecnica, il passaggio alla Ragioneria, e poi si va.

La storia dell'arte? Via da programmi

Venerdì, 13 Dicembre 2013

Qualche ora di geografia è rientrata, per il rotto della cuffia. Ma per la storia dell’arte no, non c’è stato niente da fare.  Nonostante una campagna virale degli insegnanti e di Italia Nostra che ha superato le 16 mila firme, testimonial eccellenti e lo stesso ministro della Cultura Massimo Bray schierato a favore, la mobilitazione per riportare in forze l’insegnamento della storia dell’arte nelle scuole italiane è rimasta per ora a bocca asciutta.

E' esondato il concorso

Martedì, 20 Novembre 2012

E adesso dove li mettiamo? Al ministero dell'Istruzione sale la febbre da concorso. Dopo che i conteggi hanno sbancato tutte le previsioni dei tecnici di viale Trastevere, e certificato 321.210 domande, il primo e più impellente problema è come e dove fare la prima selezione. Quella dei "quizzoni", annunciata come un test preselettivo on line, nel quale ogni candidato sarà piazzato davanti a un pc e riceverà 50 domande scelte casualmente dal sistema elettronico.

Pochi minuti dopo la chiusura delle iscrizioni, già alcuni direttori regionali si sono precipitati al ministero per capire come organizzare la kermesse elettronica. Urgono oltre trecentomila postazioni collegate, quando tutta la scuola italiana ha circa un milione di pc, ma sono sparsi in tutti i comuni e gli uffici. Tanto per dire: a Roma, dove ci sono oltre 30 mila candidati, le aule collegate non arrivano a 6 mila.

Che ci faccio io qui

Sabato, 13 Ottobre 2012

 

Di solito non firmo appelli, convocazioni, documenti... Niente, se non articoli e lettere. Ma stavolta ho aderito, anzi sono tra i "primi 100" (!), di questo gruppo, o movimento, o programma, che si chiama "ricomincia da te", e/o "su la testa". Perché mi piace il metodo, dal basso. Perché mi piace anche il merito, da sinistra. Perché tra i promotori ci sono un po' di amici e un po' di sconosciuti. Perché è aperto a tutti. Perché insomma, è ora di darsi una mossa.

Ecco il testo del "Perché siamo qui". Tutte le altre info su ricominciadate.it

Guai ai giovani

Lunedì, 08 Ottobre 2012

Largo ai giovani nella scuola? Si, ma non subito. Forse quando saranno vecchi. E' quel che hanno pensato in molti tra gli aspiranti insegnanti, quando è finalmente arrivato il bando del tanto annunciato concorsone. Che fosse di fatto riservato ai precari già in graduatoria, già lo si sapeva. Però il governo aveva promesso un imminente nuovo concorso agli esclusi, e in particolare a quei 20.000 (più o meno) giovani che hanno appena sborsato 2-3.000 euro a testa per pagarsi quattrocentocinquanta ore di Tirocinio formativo attivo: in gergo Tfa, diventati famosi per le domande sbagliate o surreali dei quiz d'ingresso.

Troppo brava per insegnare

Venerdì, 07 Settembre 2012

 

Monica Costantini ha 35 anni e due passioni. Una è per la fisica, l'altra per l'insegnamento. Cosa ci sarebbe di meglio, in un paese nel quale i prof di matematica e fisica nelle scuole scarseggiano? Eppure, è dal 2005 che Monica insegue queste due passioni.“Se avessi deciso di fare l'astronauta forse sarebbe stato più semplice”, dice, riportando una battuta che circola molto nel giro dei ragazzi con i quali ha studiato per prepararsi al Tfa, la nuova porta d'accesso al mestiere di insegnante, aperta dal governo subito prima di spalancare il portone principale, quello del concorsone.

Diritto allo studio. Dell'italiano

Mercoledì, 29 Febbraio 2012
Il governo B. è andato, ma quasi tutto quel che ha fatto – o non ha fatto – è ancora qui. Anche le cose dimenticate, quelle che hanno preso per giorni e giorni i titoli e la propaganda quotidiana, e poi ci siamo lasciati dietro di noi senza pensarci più. Tra queste, chi ricorda il grande battage che ha accompagnato l'introduzione dell'obbligo per gli stranieri immigrati in Italia di imparare l'italiano e conoscere i fondamentali della nostra Costituzione?

Pagine

Subscribe to scuola